L’Agenzia delle Dogane ha chiarito un nuovo tassello in termini di digitalizzazione dei propri documenti, che saranno in vigore proprio a partire da oggi.

La normativa recente sulle dichiarazioni doganali (art. 20 DLgs 174/14) ha previsto infatti che:

– vi sia l’obbligo di trasmettere in modalità telematica le dichiarazioni di intento all’Agenzia delle Entrate per chi desidera effettuare acquisti o importare senza applicazione dell’Iva (ex art. 8 c. 1 lett. c) DPR 633/72);

– l’Agenzia delle Dogane non richiede più la consegna della copia su carta delle dichiarazioni di intento e delle ricevute di presentazione, proprio perché tali dati sono già messi a disposizione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

L’Agenzia delle Dogane era già intervenuta a fornire le prime istruzioni per chi, utilizzando le dichiarazioni di intento, effettuava una singola operazione (c.d. DI-1) di importazione (nota 17631/RU Ag. Dogane dell’11/02/15).

Dichiarazioni doganali

Successivamente è stata ammessa anche la possibilità di evitare la consegna cartacea, utilizzando le dichiarazioni di intento, per chi effettuava diverse operazioni (c.d. DI-2) di importazione (risoluzione Ag. Entrate n. 38/E del 13/04/15), aggiornando di conseguenza (con comunicazione del 20 aprile 2015 Ag. Entrate) le istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni d’intento.

Compaiono infatti due campi:

1) si indica il ‘valore presunto’ dell’imponibile ai fini IVA dell’operazione d’importazione che si intende effettuare arrotondando per eccesso gli elementi che portano a formarlo. L’importo effettivo infatti emergerà dalla dichiarazione doganale collegata alla dichiarazione d’intento;

2) si indica l’importo corrispondente all’ammontare della quota parte del proprio plafond IVA che presume di utilizzare all’importazione nel periodo di riferimento.

La nota peraltro riporta indicazioni sulla compilazioni dei campi del Dau e ricorda che il sistema AIDA, utilizzato dalle Dogane, in fase di acquisizione della dichiarazione di importazione, controlla l’esistenza e la validità della dichiarazione d’intento, la capienza del plafond IVA e la corrispondenza tra i dati dell’importatore e i dati del dichiarante riportati nella dichiarazione d’intento, rigettando anche la dichiarazione di importazione, qualora emergano incongruenze.

Poiché è emerso infatti che la percentuale di errori era ancora molto elevata, si è deciso di attivare nuovi controlli a partire da oggi 25 maggio 2015 onde agevolare la presentazione telematica delle dichiarazioni di intento e dispensare dalla relativa consegna cartacea.

Messaggio errore Possibile causa
Dichiarazione d’intento non congruente.Dich. intento n. XXXXX, tipooperazione diversa da importazioni Nella dichiarazione d’intento non è statocompilato il campo “Importazioni”
Dichiarazione d’intento non congruente.Dich. intento n. XXXXX, dichiarante non congruente. Incongruenza fra il soggetto importatore e il richiedente della dichiarazione d’intento
Dichiarazione d’intento non congruente.Dich. intento n. XXXXX,anno diriferimento non congruente La dichiarazione d’intento indica nel campo «senza applicazione dell’IVA nell’ANNO» un valore diverso dall’anno indicato nella data di accettazione della dichiarazione
Dichiarazione d’intento non congruente.Dich. intento n. XXXXX , dichiarazionenon più utilizzabile La dichiarazione d’intento DI-1è stata già utilizzata in altra dichiarazione doganale
Plafond insufficiente.Dich. intento n. XXXXX, plafond residuo insufficiente La somma delle basi imponibili dei tributi con codice 406 per ciascun singolo, all’interno della casella 47 del DAU, supera l’importo disponibile nella dichiarazione d’intento*
Dichiarazione d’intento non presente inarchivio Riferimento errato della DI anche se “formalmente” corretto

* se l’importo disponibile della dichiarazione d’intento è insufficiente è possibile presentare, laddove ne ricorrano le condizioni, un’altra dichiarazione d’intento

 

Le dichiarazioni d’intento, infine, si è chiarito che possano essere utilizzate presso qualunque Ufficio delle Dogane, senza alcuna limitazione di carattere territoriale.

Summary
Dichiarazioni doganali senza carta | Novità
Article Name
Dichiarazioni doganali senza carta | Novità
Description
Dichiarazioni Doganali | L’Agenzia delle Dogane ha chiarito un nuovo tassello in termini di digitalizzazione dei propri documenti, in vigore da oggi.
Author