La Legge 9 agosto 2013, n. 98, in vigore dal 21 agosto 2013, in merito alla conversione in legge, con modificazioni del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia, ha inserito il nuovo articolo 50-bis al DL 69/13 in tema di “semplificazione delle comunicazioni telematiche all’Agenzia delle entrate per i soggetti titolari di partita IVA”.

Tra le novità di maggiore rilievo si ritiene utile segnalare che dal 1° gennaio 2015:

1) i modelli INTRA 2-quater e INTRA 2-quinquies, inerenti gli elenchi riepilogativi dei servizi “generici” che i committenti italiani (compresi gli enti non commerciali) ricevono da prestatori stabiliti in altri Paesi comunitari non dovranno più essere presentati. La disposizione si applica per tutti i titolari di partita Iva;
2) i titolari di partita Iva avranno facoltà di effettuare una “segnalazione” quotidiana all’Agenzia delle Entrate, per via telematica, indicando i dati analitici della fatture attive e passive, e connesse rettifiche ed inoltre l’ammontare dei corrispettivi delle operazioni non soggette ad obbligo di fatturazione. Qualora decideranno di farlo verranno premiati in quanto saranno esonerati dal presentare:
– lo “spesometro” ex art. 21 del DL 78/2010 e successive modificazioni. In merito si segnala anche che il provvedimento direttoriale prot. 94908/2013 del 2 agosto 2013 dell’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello di comunicazione all’Anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini IVA, che dovrà essere presentato per l’anno 2012 entro il 12 novembre 2013 per i contribuenti mensili ed entro il 21 novembre 2013 per i contribuenti trimestrali;
– le comunicazioni delle operazioni nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi black-list (ex art. 1 del DL 40/2010);
– la trasmissione dei dati relativi alle lettere d’intento ricevute (ex art. 1, comma 1, lettera c), ultimo periodo DL 746/1983)
– la comunicazione da parte delle Pubbliche amministrazioni degli estremi dei contratti di appalto, di somministrazione e di trasporto conclusi mediante scrittura privata e non registrati (ex art. 20, primo comma del DPR 605/1973). A coloro che opteranno per la segnalazione quotidiana inoltre non verrà loro applicata la responsabilità solidale negli appalti (ex art. 35, commi 28 e seguenti del DL 223/2006) e nemmeno la solidarietà ai fini IVA con il cedente, in caso di cessioni effettuate a prezzi inferiori al valore normale (ex articolo 60-bis del DPR 633/1972);
3) con apposito decreto anche le informazioni inserite nei registri Iva verranno modificate in quanto già trasmesse quotidianamente per coloro che ne avranno scelto l’opzione. Per lo stesso motivo per costoro sarà prevista l’abrogazione parziale o totale anche di altri adempimenti dichiarativi.

Si segnala infine che la semplificazione di cui all’articolo 50-bis DL 60/13 resta però ancorata alle disposizioni che dovranno essere emanate da un apposito regolamento da parte dell’Agenzia delle Entrate (che entreranno in vigore entro 90 giorni dalla data dello stesso regolamento) e dunque la decorrenza effettiva potrebbe essere anche anticipata.